Il tuo browser ha il supporto JavaScript disabilitato. Ti preghiamo di abilitarlo.
Stai usanto un browser non aggiornato. Aggiorna il tuo browser per consultare il sito web.

Il Serpente con la Cresta 2016

Leggenda

⟵ Torna alla scheda
A i disìa che lè ai Tri Fontane prima de rià a Tiöl, sö in del bósch a gh’ia ü serpènt che l’gh’ia öna grèsta söl có e du sgrafe denàcc compagn chèle d’ü anedròt, e sö la schéna öna pèl ròssa e ingrespèta come chèla d’ü sàt!
E a l’èra gròss compagn ü porselì, insóma a l’èra ü mòstro che i à mai vést sö la mader tèra.

Dicevano che alla Tre Fontane, prima di arrivare a Tiolo, sopra il bosco, viveva un serpente che aveva una cresta sul capo, due zampe davanti come quelle di un anatroccolo e sulla schiena una pelle increspata come quella di un topo;
era grosso come un porcellino; era insomma un mostro, che mai s’era visto sopra la madre terra.


E du scècc che i éra ‘ndàcc a fà la lègna, èrs de lè, a i vèt sö in d’ü sbalsòt de èrba passa che l’se möf ü laùr, e lur a i crèt che l’föss öna lègor; a i và per cüriusà, ma invèce a i vèt chèsto serpènt malègn che a l’éra lé che l’ ghe ardàa, e col fiàt a gli à incantàcc e lur a i à piö püdit iscapà, e i è restàcc lé ‘mpalàcc e a löcia; e ‘l serpènt adàgio adàgio a l’ ghe indàa apröf per piài e per ciciàga fò ol sanch. E ü vècc a l’à sentit a löcià chi scècc, e l’ sèra che gh’éra chèl serpènt lè, a l’è indàcc sö a èt, e a l’vèt ol serpènt lè apröf ai pè discècc prónt per piài; e lü svèlt a l’à töt sö öna còrna e l’ ghe l’à cassada drè e l’ l’à ciapàt sö la schèna, ma a l’è robatida indrè come a l’ fös ü balù, e pò ol serpènt a l’è saltàt fò apröf a lü, e col so fiàt a gli à incantat a’ lü. Ma ü zùen chel vàa a cassa a l’à èst, e l’è ‘ndàcc dessura in del bòs- ch e col sciòp al gh’à tiràt, ma i balì de la sciopetada a i è robatìcc indré. Ma lü svèlt a l’à incargàt ol sciòp coi cartuce a baletù, e dòpo a l’ gh’à tràcc, e lé a gli à leàt de tèra e po’l’è passàt zó a rödèl per ol prat, e in chel framèss de tèp a l’è riàt sö töta la zèt de Tiöl con di palècc, rascc e rastèi, e lè, töcc, zò palade infina che gli à copàt.

Era capace di bruciare erbe e piante col suo alito e in sua presenza gli uomini, donne e ragazzi restavano incantati: e mentre erano incantati, il serpente succhiava loro sangue e vita. Due ragazzi che erano andati nel bosco a far legna di buon mattino, vedono sopra una balza di erba secca in alto, una cosa che si muove e credono che si tratti di una lepre. S’avviano per curiosità e invece della lepre vedono appunto il serpente maligno che stava fermo a guardarli: lo sguardo e il fiato del serpente, a poco a poco imbambolò i ragazzi che, pur volendo, non potevano scappare. Intanto il mostro si avvicinava lentamente ai loro piedi, e loro erano impalati e piangenti, incapaci di tutto, con la paura di essere morsicati.
Ma un vecchietto che era poco distante, aveva sentito piangere i ragazzi e poiché sapeva dell’esistenza del serpente, era andato a vedere che cosa accadeva. Visto il serpente vicino ai piedi dei ragazzi pronto a morderli, il vecchio prontamente prende un grosso sasso e lo scaglia sul mostro; lo colpisce sulla schiena, ma il sasso rimbalza indietro come se fosse un pallone; il serpente allora si avventa su di lui e col suo alito impietrisce anche il vecchio.
Un giovane che stava ritornando a casa sua in quei luoghi ha visto la scena; è salito nel bosco e col fucile ha sparato al serpente, ma i pallini della fucilata sono rimbalzati indietro. Allora il giovane ha prontamente caricato il suo fucile a palla e poi sparato e ha sollevato da terra il serpente che è ruzzolato giù per il prato. In quel frattempo tutta la gente di Tiolo è accorsa armata di paletti, rastrelli e forche e li giù tutti a palate fino a che è stato ucciso.


E lé dòe l’è stàcc e dòe a l’è stàcc copàt a l’è brüsàt fò töta l’èrba e pò la còdega del fiàt catif che a l’gh’èra adòss.
E i scècc e po’ a l’vècc a i s’èra senticc mal, ma dòpo i gh’à dàcc de bif del lacc per desvelenài e i à facc còr per no fà che i se indormentès, infina che l’gh’è passàt chèl malùr che l’ gh’à lassàt adòss, ma la pura la gh’è restada ‘n còrp.

L’erba intorno era tutta bruciata e anche la cotica del prato per causa dell’alito del serpente.
I ragazzi e il vecchio a poco a poco rinvennero, ma si sentirono male come se fossero stati avvelenati; fu dato loro del latte da bere per scacciare il veleno e poi li fecero correre e correre e camminare affinché non si addormentassero. Infine il malessere passò, ma restò loro indosso un grande spavento.