Il tuo browser ha il supporto JavaScript disabilitato. Ti preghiamo di abilitarlo.
Stai usanto un browser non aggiornato. Aggiorna il tuo browser per consultare il sito web.

L'Oro del Diavolo 2017

Leggenda

⟵ Torna alla scheda
De töt l’ór sotràt, scundit o perdit, e in fónt al mar, dòpo sènt’àgn a l’ vè in possèss del diàol e ogni sènt’àgn i lo fà comparì e scumparì denàcc a la zét disperàcc che i gh’à mia sòlcc de ‘ndà a tö de mangià. A èt issè chi poarècc a i deènta amò piö disperàcc e i dà fò de màt. Öna sira ü zùen che l’turnàa indré de la só murusa, a l’s’èra sentàt zò söl mürèt de la strada a pensà come l’avrèss püdit fà per spusà la sò bèla e amada murusa che‘l sò pàder de l’è a glia lagàa mia spusà perché lü a l’éra poarèt e trapelàt.

Tutto l’oro che c’è sotterra, nascosto, perduto e quello che sta in fondo al mare, dopo cento anni, non si sa come, finisce in possesso del diavolo; il quale ogni cento anni, lo fa apparire e scomparire davanti agli occhi della gente disperata che non ha soldi per comprarsi da mangiare e davanti alla gente povera che diventa matta per la miseria. Un giovanotto che una sera tornava a casa, dopo aver lasciato la sua bella, s’era seduto sopra un muretto e meditava su come avrebbe potuto fare per sposare la sua giovane amorosa; il padre di lei non voleva lasciargliela sposare, perché diceva che lui era troppo povero.

A l’vèt a ègn inàcc öna egina gòba e mal vestida. Ma l’èra belina. E la ghe dis con d’öna usina: “Còssa ghèt, bèl zùen, de èss issiè penserùs e pèss amò malinconiùs” E lü a l’ghe cönta sö töt ol sò dulùr che l’gh’èra in còrp. E lè la ghe dis “Àrda, zùen, che in de la settimana a gh’è dét anche la fèsta, e la fèsta la fà contécc chi sàe, chi bu e chi fà del bé”. E la ghe dà ü cincù de fèr rösnét e la ghe dis de pèrdel mia che l’ghe egnerà bu ü bèl dé. A l’passa fò di mis e di mis e tant tép e‘l cincù l’è sèmper lè ‘n scarsèla: a l’ghe l’éra sèmper drè. Dé a l’éra ‘ndàcc a ütàga a ü egì a purtàga in cà del fé per i ache e a pestàga sö la lègna e a fàga d’òter mestér. A l’ gh’éra egnit sira tarda. E ‘n del turnà ‘ndrè, bèl contét come öna pasqua, a l’gh’éra per i mà chèsta monéda töta rösnéta. Töt in d’ü culp a l’vèt a comparìga denàcc l’òr del diàol.

Mentre passava da un pensiero all’altro, il giovane vede comparire sulla strada una vecchina gobba e mal vestita, ma con aria graziosa, la quale con una voce garbata gli dice: “Che cosa ti rende tanto pensieroso e malinconico bel giovanotto? “ E lui che era proprio molto triste, raccontò tutti i suoi tormenti. Parlò del suo grande amore per la ragazza, che riteneva la più buona e la più bella del mondo; e disse della sua povertà che era la causa che gli impediva di sposarla. Allora la vecchina per consolarlo dice: “Sappi, giovanotto, che fra i giorni della settimana c’è un giorno di festa e che la festa rende contenti i buoni e coloro che fanno del bene”. Detto questo trasse un palancone tutto arrugginito, lo regalò al giovane e gli raccomandò di non perderlo, perché un bel giorno gli sarebbe tornato utile. Passava intanto il tempo, passavano i mesi, e il palancone era sempre custodito nella tasca dei pantaloni del giovane. Accadde un giorno che il bel giovanotto, che era di cuore generoso, era andato ad aiutare un vecchietto nel suo lavoro: il vecchio carico di anni e di mali non riusciva far tutto da solo; e il giovane gli aveva messo nel fienile il fieno per le mucche e gli aveva tagliato un pò di legna per il camino; aveva anche fatto altri piccoli mestieri di casa e così lavorando aveva fatto tardi; infatti era calata la sera. Salutò il vecchio che lo ringraziava continuamente per l’aiuto dato, e si mise in cammino per tornare a casa. Teneva in mano la sua moneta ruggine e si sentiva contento per aver fatto una buona azione. Ma d’un tratto sente agitarsi intorno l’aria e vede gli alberi come scossi dal vento: era scesa a volo dal cielo e s’era posata davanti a lui, una coperta rossa, sulla quale stava posato un diavolo.

A l’éra öna coèrta granda töta pièna de òr. A i èra palanche, colane, vas e curune de rè, e lü svèlt a l’à cassàt fò chèl cincù de fèr. Di fiame a i s’è leàde e l’à sentit di èrs, e ‘l diàol a l’è sparit, e töt l’òr a l’ gh’è restàt a lü. Bèl a l’èra e sciùr a l’è deentàt; e la tusa del cör a l’à spunsàt; e öna gran fèsta a i à fàcc, e töcc contècc a i è restàcc. E chèla egina a l’èra la egina del cör in mà che l’aiüta i poarècc e i malàcc. E ‘l cincù a l’èra misericordia e bontà. E per chèsto al diàol gh’è tocat lagà zó ‘l fagòt a scapà.

E intorno al diavolo, disposti sulla coperta erano monete d’oro, collane, vasi, corone da re; il giovanotto restò impietrito e si senti dentro una voce che gli suggeriva di gettare il palancone ruggine in mezzo a tutta quella roba; svelto e senza pensarci molto, gettò la moneta e al tempo stesso vide levarsi una fiammata alta come una casa! Sparito l’abbaglio del gran fuoco, il giovane constatò che il diavolo era scomparso. Così tutta quella ricchezza, che stava sulla coperta, è rimasta al giovane, che, oltre che bello, è diventato ricco e ha così potuto sposare la ragazza del suo cuore e dare un a gran festa che lasciò tutti contenti. Ma bisogna anche sapere chi era la vecchina che gli aveva dato la moneta; era niente meno che la vecchia dal cuore in mano, cioè quella che aiuta i poveri e i malati e che il palancone rappresentava la forza della misericordia e della bontà; ed è proprio per questa ragione che il diavolo comparso sopra la coperta insieme all’oro e alle corone, fu scottato dalle fiamme e costretto a fare fagotto e fuggire.