Il tuo browser ha il supporto JavaScript disabilitato. Ti preghiamo di abilitarlo.
Stai usanto un browser non aggiornato. Aggiorna il tuo browser per consultare il sito web.

Il Drago di Santa Brigida 2015

Leggenda

⟵ Torna alla scheda
A póch méter del confüs tracc del Filù, söl mut de fassada a Santa Brigida, se dèrv amò al dé de ‘ncö öna gròta granda. I abitàncc del paìs i l’ la ciàma Büsa e i sigüra che öna ólta l’ìa ‘l refügio d’ü destrane animàl, ma co la zónta de óter conotàcc ch’i è pròpe di sgrignàpole. A l’ gh’ìa öna cròpa gòba e töt quarciàt de scàe zalde, con dò ale desmisürade de sgrignàpola ch’i se agitàa infóste col möv l’ària compàgn de pale de mülì, quàter isgarle cörte e massésse ch’i gh’ìa fì con di sanfe roböste prónte a ongià e tègn trich ach i préde piö gròsse e refratàrie, öna cua lónga che la se agitàa compàgn d’ü foèl e la fenìa tüso ön’óngia nigra e sfendènta, co la furma di tenaìne di scorpiù.

A pochi metri della cima del Monte Filone sulla montagna di fronte a Santa Brigida, si apre ancora oggi una grotta profonda che gli abitanti del paese chiamano “Busa”. Raccontano anche che una volta era abitata da un mostro tutto coperto da squame giallastre con due enormi ali da pipistrello, quattro robuste zampe con artigli poderosi, una lunga coda mobile che terminava con un’unghia tagliente.

in del mès de la lèngua, róssa e dópia, gh’ìa posissiunàt ü diamànt gròss compàgn d’ü póm, che l’isberlüsìa d’öna lüs che inorbìa, issé féssa de rendì òrb chiunque l’ gh’èss üt la desventüra de dàga öna lömàda ach adóma per ün àmen. Ògne matina, ai prime lüs del dé, chèl èsser desfurmàt a l’ vegnìa fò del sò refügio, a l’ cassàa fò di sìgoi scèp e l’ lassàa indré öna lüs rossina che la ilüminàa la spianada di pracc in prensépe a la montagna. “L’è riàt pò a’ st’an, pontüàl cóme ògne estàt, per rüinàga la éta” i protestàa rassegnàcc i vècc contadì a la ésta del móstro che, riciamàt di prim calùr de l’estàt, a l’ se sìa desdàt de la dormida invernàl e l’éra egnìt fò de la caèrna, söspìs vólt in del cél, intàt che ‘n töta la valada se spandìa i rintóch di campane de la Césa ègia de Santa Brìgida per isà de la presènsa del drago, con d’öna insistènsa lamentusa che la fàa crèss l’angòssa de töcc. Per sircà de pónd fì a chèsto flagèl, ma suertöt per ol desidére de ‘mpadronìs de chèl diamànt faolùs, i è mia stacc póch i tentatìv metìcc in ato per eliminà ‘l drago. Öna quach cassadùr ardìcc de Santa Brigida e di paìs intùren, i à tentàt de brocàl, col piassà a l’entrada de la caèrna ü lass facc sö con d’ün andeghér de assàl, de chèi ch’i dovràa i boscaröi per trasportà ol legnàm. Öna sórt pegiùr la gh’è tocada a ü tal de nòm Ventüra, che l’ se credìa ün òm fórt e coragiùs e ü cassadùr infalìbel, tat de ìga ‘n mènt de copà chèla bèstia col sò trombù. Riàt in del bósch de la Pügna, l’à facc sö ü ricòer de préde e l’ s’è scondìt per ispetà ol rià del móstro. E difati ol móstro l’è riàt, intàt che ‘n de la zòna l’ se descadenàa ü temporàl füriùs. Tra sömelèch ch’i inorbìa e fórte trunade, ol Ventüra se l’è ést a comparì denante a l’improìsa. Ciapàt issé de sorprésa, l’à sircàt de fà föch cóntra l’animàl, ma l’arma la gh’è s-ciopada in di mà. Alura ‘l móstro a l’ gh’è saltàt adòss

aveva incastonato nel suo centro un enorme diamante, che il mostro custodiva con particolare cura. Ogni estate dopo il risveglio dal lungo letargo il mostro terrorizzava uomini, animali e perfino il bosco ingialliva e soffriva per questa inquietante presenza. Il risveglio del drago era annunciato dal suono lugubre della campana della chiesa di Santa Brigida.
Ogni mattina il mostro usciva dalla grotta per la sua caccia, emettendo acutissimi sibili e lasciando dietro di sé una luce rossastra che metteva angoscia agli abitanti. Vittime del suo vorace appetito erano caprioli, camosci ma più spesso
pecore o mucche provocando così grave danno ai pastori. Con l’avanzare dell’estate poi il caldo aumentava la sete del mostro, che in una sorsata prosciugava le pozze per abbeverare le greggi e i torrenti della zona. Arrivato l’autunno il mostro ritornava in letargo ma ad ogni risveglio seminava terrore e disagi nella vallata. Per porre fine a questo flagello, ma soprattutto per impadronirsi del diamante, ci furono molti coraggiosi abitanti della Valle Brembana che tentarono la caccia. Ma i risultati furono sempre a discapito dei cacciatori: ci fu chi tentò di catturarlo con un laccio d’acciaio, chi tentò di rubare il diamante dal rifugio dove il mostro lo nascondeva tutte le sere, ma la sorte peggiore toccò ad un cacciatore che pensò di colpire il mostro con il suo schioppo durante un furioso temporale ma fu sopraffatto dalla bestia che lo divorò sputando solo la sua testa, che fu ritrovata il giorno dopo e seppellita nel cimitero del paese. Da quel momento il mostro scomparve e non si ebbero più sue notizie. Si narra però che da allora i pastori che percorrevano i pascoli della Pugna sentivano i sibili della belva e le strazianti urla del cacciatore.Anche la benedizione del parroco non riuscì più a far cessare del tutto quei suoni: ancora oggi in certe notti si odono degli echi come venuti da un mondo lontano.