Il tuo browser ha il supporto JavaScript disabilitato. Ti preghiamo di abilitarlo.
Stai usanto un browser non aggiornato. Aggiorna il tuo browser per consultare il sito web.

Il Castello della Regina 2016

Leggenda

⟵ Torna alla scheda
Na montagna sura Brembila tra Sant’Antóne Bandunàt e la Forsèla de Böra, lé a gh’éra ü castèl, che l’comandà a na regina fórta e gueriéra; a l’éra sèmper dénacc ai sò soldàcc a lotà, e semper vitoriusa; e quando a la turnàa ‘ndré di sò guère, che la riàa lè in Qualguari (che l’è ‘ncö al centro de Brembila) lé a gh’éra öna piassèta ‘ndo la se fermàa ‘mpicà töcc i sò presunér, nemìs e traditùr prim de turnà ‘n dol sò castèl. E piö nigü i la edìa. Öna sò stafèta la gh’à portàt la notissia che lè a Lassiöl a ghèra campàt ü rè con töcc i sò soldàcc che l’ gh’èra öna curuna töta d’ór, sach pié de marèngh d’ór e ü edèl töt de ór. E lé a l’à ünit söbet i sò soldàcc, e la gh’à prometìt che töt l’òr a l’ghe l’ lagàa a lur, ma ‘l vedèl d’ór e la curuna a glià ülia lé.

In una montagna sopra Brembilla, tra Sant’Antonio abbandonato e la forcella di Bura, c’era un castello che era comandato da una regina. Era una donna forte e guerriera, andava sempre in testa ai suoi soldati nelle battaglie e ritornava ogni volta vittoriosa al suo castello. Quando ritornava dalle sue guerre, appena giunta a Gualguari (questo luogo è attualmente il centro del paese di Brembilla) si fermava nella piazza e provvedeva ad impiccare i suoi nemici, i traditori e i prigionieri.
Quando li aveva tutti impiccati, ripartiva per risalire al suo castello e dopo nessuno più poteva vederla per molto tempo.
Un bel giorno una staffetta porta alla regina questa notizia: in una località detta Lasiol, si era accampato un re con molti suoi soldati; questo re aveva una corona tutta d’oro, sacchi pieni di marenghi e un vitello tutto d’oro.
La regina, udita la notizia, radunò tutti i suoi soldati e, raccontata la cosa, promise che avrebbe lasciato a loro tutto l’oro che avrebbe conquistato; per sé avrebbe tenuto soltanto il vitello d’oro e la corona.

E a la sira a i è partìcc per la guèra e a la nòcc a i èra pròncc per la batàglia.
A l’éra öna nòcc de óst, a gh’éra la lüna piéna; e lé a i tecàt la càrica che l’è dürada tri dé ‘nfina che ‘l rè a l’se invìa a scapà ‘nvèrs ai còrne de l’örido de la àl de Brèmbia e lé ü per vòlta a i è passàcc zò del bürù, e ‘l rè prima de mör a l’ gh’à mandàt öna maledissiù perché ol vedèl a l’éra ü simbol de la so religiù. La regina a l’à tölt sö la curuna e l’ vedèl po’ l’è partida vèrs ol sò castèl, e quando l’è riàda, ü fòrt temporàl a l’ s’è fàcc sö: tunade e fölmegn i vegnìa dal cél, e öna gròssa crépa a la se dèrv in tèra, e lé, regina, castèl e edèl a l’è passàt dèt töt. Ol vedèl a l’è sö amò ‘ncö, e chi che i völ indà sö a sircà ol vedèl, quando a i è apröf, la calanca la se dérf e chi se tróa lé i passa zò töcc. Tance e tance a i à fàcc chèla fi lé. E lé dóe a l’è mòrt ol rè, öna ólta a l’an s’ vèt de nòcc ol rè a caàl coi so soldàcc che i cór in sö e in là per i còrne come disperàcc.

La regina tornò al castello vittoriosa portando con sé il bottino di guerra, la corona del re e il suo vitello d’oro. Ma quando era già ritirata nelle sue stanze, si scatenò un furioso temporale che fece tremare la montagna e le muraglie del castello. Dopo poco tempo la terra si spalancò, si aprì una voragine così grande che inghiottì tutto e tutti: la regina, il castello e il vitello. Il vitello è lassù ancora oggi e chiunque provi a cercarlo, appena si avvicina, si ritrova la voragine sotto i piedi pronta ad inghiottirlo. Una volta all’anno, durante la notte è possibile vedere il re a cavallo con i suoi soldati che corrono in su e in là per le rocce come disperati.


ENG | 
On a mountain above Brembilla, between the abandoned Sant'Antonio and the Forcella of Bura, there was a castle ruled by a queen. She was a tough woman and a brave warrior, in battle she always fought in front of her soldiers and she returned victorious to her castle every time. On her way back from war, as soon as she reached Gualguari (this place is now the town center of Brembilla) she would stop at the square and hang her enemies, betrayers and prisoners.
Once she had hanged them all, she would go back to her castle and no one would have the chance to see her again for a long time. One day, a messenger came to the queen with some news: in a place called Lasiol there was a king, camping with many of his soldiers. The king had a golden crown, sacks full of gold coins and a golden calf.
When the queen heard the news, she gathered all of her soldiers and promised she would have left them all the gold, keeping only the golden calf and the crown for herself.


The queen returned to the castle triumphant, carrying with her the spoils of war, the king’s crown and the golden calf. However, when she returned to her room, a furious storm raged, causing the mountain and the castle walls to tremble. Soon afterwards, the earth split open, a huge abyss swallowed up everything and everyone: the queen, the castle and the calf. The calf is still up there somewhere and to this day, anyone who tries to look for it, will find the abyss under their feet ready to swallow them up as soon as they get close. Once a year, at night, you can see the king and his soldiers on horseback running up and down the mountain cliff in despair.