Il tuo browser ha il supporto JavaScript disabilitato. Ti preghiamo di abilitarlo.
Stai usanto un browser non aggiornato. Aggiorna il tuo browser per consultare il sito web.

Il Castello della Regina 2016

Leggenda

⟵ Torna alla scheda
Na montagna sura Brembila tra Sant’Antóne Bandunàt e la Forsèla de Böra, lé a gh’éra ü castèl, che l’comandà a na regina fórta e gueriéra; a l’éra sèmper dénacc ai sò soldàcc a lotà, e semper vitoriusa; e quando a la turnàa ‘ndré di sò guère, che la riàa lè in Qualguari (che l’è ‘ncö al centro de Brembila) lé a gh’éra öna piassèta ‘ndo la se fermàa ‘mpicà töcc i sò presunér, nemìs e traditùr prim de turnà ‘n dol sò castèl. E piö nigü i la edìa. Öna sò stafèta la gh’à portàt la notissia che lè a Lassiöl a ghèra campàt ü rè con töcc i sò soldàcc che l’ gh’èra öna curuna töta d’ór, sach pié de marèngh d’ór e ü edèl töt de ór. E lé a l’à ünit söbet i sò soldàcc, e la gh’à prometìt che töt l’òr a l’ghe l’ lagàa a lur, ma ‘l vedèl d’ór e la curuna a glià ülia lé.

In una montagna sopra Brembilla, tra Sant’Antonio abbandonato e la forcella di Bura, c’era un castello che era comandato da una regina. Era una donna forte e guerriera, andava sempre in testa ai suoi soldati nelle battaglie e ritornava ogni volta vittoriosa al suo castello. Quando ritornava dalle sue guerre, appena giunta a Gualguari (questo luogo è attualmente il centro del paese di Brembilla) si fermava nella piazza e provvedeva ad impiccare i suoi nemici, i traditori e i prigionieri.
Quando li aveva tutti impiccati, ripartiva per risalire al suo castello e dopo nessuno più poteva vederla per molto tempo.
Un bel giorno una staffetta porta alla regina questa notizia: in una località detta Lasiol, si era accampato un re con molti suoi soldati; questo re aveva una corona tutta d’oro, sacchi pieni di marenghi e un vitello tutto d’oro.
La regina udita la notizia, radunò tutti i suoi soldati e raccontata la cosa, promise che avrebbe lasciato a loro tutto l’oro che
avrebbe conquistato; per sé avrebbe tenuto soltanto il vitello d’oro e la corona.


E a la sira a i è partìcc per la guèra e a la nòcc a i èra pròncc per la batàglia.
A l’éra öna nòcc de óst, a gh’éra la lüna piéna; e lé a i tecàt la càrica che l’è dürada tri dé ‘nfina che ‘l rè a l’se invìa a scapà ‘nvèrs ai còrne de l’örido de la àl de Brèmbia e lé ü per vòlta a i è passàcc zò del bürù, e ‘l rè prima de mör a l’ gh’à mandàt öna maledissiù perché ol vedèl a l’éra ü simbol de la so religiù. La regina a l’à tölt sö la curuna e l’ vedèl po’ l’è partida vèrs ol sò castèl, e quando l’è riàda, ü fòrt temporàl a l’ s’è fàcc sö: tunade e fölmegn i vegnìa dal cél, e öna gròssa crépa a la se dèrv in tèra, e lé, regina, castèl e edèl a l’è passàt dèt töt. Ol vedèl a l’è sö amò ‘ncö, e chi che i völ indà sö a sircà ol vedèl, quando a i è apröf, la calanca la se dérf e chi se tróa lé i passa zò töcc. Tance e tance a i à fàcc chèla fi lé. E lé dóe a l’è mòrt ol rè, öna ólta a l’an s’ vèt de nòcc ol rè a caàl coi so soldàcc che i cór in sö e in là per i còrne come disperàcc.

Era una donna forte e guerriera, andava sempre in testa ai suoi soldati nelle battaglie e ritornava ogni volta vittoriosa al suo castello. Quando ritornava dalle sue guerre, appena giunta a Gualguari (questo luogo è attualmente il centro del paese di Brembilla) si fermava nella piazza e provvedeva ad impiccare i suoi nemici, i traditori e i prigionieri. Quando li aveva tutti impiccati, ripartiva per risalire al suo castello e dopo nessuno più poteva vederla per molto tempo. Un bel giorno una staffetta porta alla regina questa notizia: in una località detta Lasiol, si era accampato un re con molti suoi soldati; questo re aveva una corona tutta d’oro, sacchi pieni di marenghi e un vitello tutto d’oro. La regina udita la notizia, radunò tutti i suoi soldati e raccontata la cosa, promise che avrebbe lasciato a loro tutto l’oro che avrebbe conquistato; per sé avrebbe tenuto soltanto il vitello d’oro e la corona.